Home In evidenza Zoom sull’avversario: la concretezza dell’Inter.

Zoom sull’avversario: la concretezza dell’Inter.

10
SHARE

Domenica la Roma affronterà nel posticipo di questa 14esima giornata l’Inter di Luciano Spalletti, squadra che dopo un avvio non molto esaltante è riuscita a trovare la sua quadra inanellando una serie di risultati positivi. Entrambe le compagini arriveranno all’appuntamento di domenica con una sconfitta in Champions ma soprattutto con qualche infortunato di lusso. L’assenza più eclatante infatti tra le le fila nerazzurre è rappresentata da Nainggolan, ex di giornata ma soprattutto giocatore chiave per la trequarti dell’Inter. Il centrocampista belga sta trovando pochissima continuità proprio a causa di questi infortuni a ripetizione, che in parte vanno a motivare la scelta di Monchi intrapresa in estate. Puro caso o occhio lungo del DS spagnolo? Una risposta definitiva forse non l’avremo mai, ma allo stato attuale non sta indubbiamente mostrando le qualità messe in luce a Roma.
Ciònonostante, l’Inter dopo un assestamento iniziale ha ritrovato la retta via che l’ha condotta fino al terzo posto attuale, a – 1 dal Napoli e +5 sulla Lazio, permettendole di auspicare con rosee prospettive un piazzamento in Champions a fine stagione.
Questi risultati spesso sono stati frutto di gol arrivati negli ultimissimi minuti di partita come nel Derby contro il Milan, a Marassi con la Sampdoria e fuori casa con la Spal. Cosa può significare questo? Guardando oltre il discorso della buona sorte che sta sicuramente accompagnando i nerazzurri in alcune situazioni chiave di questa stagione, l’Inter è una squadra che non esce mai dalla partita, e nei minuti finali grazie alla grande fisicità del suo undici riesce spesso e volentieri a mettere alle corde gli avversari.
Nella prevalenza dei casi le castagne dal fuoco le ha tolte Mauro Icardi. Anche lui è una delle risposte alla concretezza del cammino dell’Inter, confermandosi letale sottoporta e leader per i suoi compagni. Avere in squadra un giocatore come lui significa partire quasi ogni partita da 1-0, e più si alza il coefficiente di difficoltà del match, più Icardi si esalta.
La Roma, che arriva in grande emergenza alla vigilia di questa partita, dovrà prendere le giuste contromisure nei confronti del 9 nerazzuro e non solo, rispettando l’Inter senza farsi schiacciare troppo. Potrebbero rappresentare dei possibili risvolti tattici le posizioni dei trequartisti di ambedue le squadre, che sia in fase di possesso che non dovranno riuscire a interpretare bene il ruolo, dando superiorità numerica e sostanza a delle mediane troppo scoperte in caso di ripartenza avversaria. Per la Roma probabilmente verrà riconfermato Zaniolo, arrivato proprio dalla società meneghina come pedina di scambio per Nainggolan, mentre nell’Inter c’è un ballottaggio serrato tra Joao Mario e Borja Valerio, con il primo leggermente in vantaggio nelle idee di Spalletti. La speranza è che possa essere la partita della svolta, in grado di rilanciare le ambizioni dei giallorossi ormai rimaste in panne dopo le ultime prestazioni più che deludenti.

Commenta