Home In evidenza ROMA-GENOA. I RICORDI NON SVANISCONO

ROMA-GENOA. I RICORDI NON SVANISCONO

20
SHARE

Dunque, dove eravamo rimasti? Tra un’impresa europea e una semifinale che ritorna dopo 34 anni, sul calendario appare “Roma-Genoa”. Non si può non ricordare quella partita, l’ultima della scorsa stagione, in data 28 maggio 2017, che chiuse il sipario nello spettacolo di un attore straordinario, che sancì la fine di un idillio epico, che ebbe l’ingrato compito di far appendere gli scarpini al chiodo al più grande calciatore italiano di sempre.

E’ passato quasi un anno e ora Francesco Totti scruta dall’alto della Tribuna d’onore le prestazioni della sua amata Roma, seppur in una veste a lui scomoda. A una settimana dal match di Anfield Road, tuttavia, i giallorossi non devono perdere di vista il campionato, in cui c’è un piazzamento Champions da mantenere.

ALTRI FIGLI DA RIABBRACCIARE

Rosi e Bertolacci sono i due ex della gara, entrambi romani, romanisti e provenienti dal vivaio giallorosso. Domani si ritroveranno ancora a giocare contro il loro cuore, contro la squadra che li ha fatti crescere.Risultati immagini per bertolacci genoa

I due, tuttavia, non sono intenzionati certo a concedere alcunché, dal momento che con i rossoblu viaggiano sempre più spediti verso una salvezza ormai a portata di mano, e che sembrano intenzionati a portare a quattro il numero di risultati utili consecutivi inanellati, dopo l’importante vittoria ottenuta contro il Crotone.Risultati immagini per rosi genoa

La squadra di Ballardini vanta dei numeri in difesa degni dei piani alti. Solo 31 i gol subiti dal Grifone, che tuttavia deve fare i conti con una manovra offensiva poco oliata e priva di un puntero importante.

VIETATO MOLLARE

La partita contro la Lazio ha dimostrato che la testa di De Rossi e compagni è già proiettata alla sfida in terra inglese. Nonostante ciò, Di Francesco non rinuncia al turnover; il capitano può ritrovarsi a lasciar posto a Gonalons, fortemente difeso in conferenza, mentre Perotti sarà nuovamente lasciato a riposo, così come Manolas, uscito zoppicante dal campo durante il derby.

L’assenza del greco può portare Di Francesco a ritornare alla linea difensiva a 4, con Fazio e Jesus centrali. Per quanto riguarda il resto, la squadra ai blocchi di partenza dovrebbe essere quella titolare.

La tensione va tenuta alta anche in campo nazionale e, con l’Inter a una lunghezza di distanza e la Lazio a pari punti, non c’è tempo per i passi falsi.

 

Commenta