Home RC Press Pi Effe: “La squadra deve difendersi dalle critiche”

Pi Effe: “La squadra deve difendersi dalle critiche”

14
SHARE

Partiamo con una domanda semplice, quasi banale. La Roma butta via un’occasione ghiottissima per fare tre punti. Buon primo tempo, male il secondo. Quali sono, in linea di massima, le criticità di questa squadra?

Come dicevo nella diretta, la Roma mi è sembrata molto tonica nel primo tempo. Essendo la forma fisica uno degli aspetti che mi rendevano più dubbioso, mi chiedevo se saremmo riusciti a mantenere quella condizione fisica nel corso di tutti i 90’. Così non è stato. Già dal 2-0 in poi abbiamo iniziato a schiacciarci, malgrado le indicazioni di Di Francesco. Questa volta, però, non ha indovinato i cambi. Inserendo Karsdorp al posto di Florenzi ha tolto estro e propositività alla squadra, mentre De Rossi continua a non girare se affiancato a Nzonzi, come contro il Milan. Siamo stati sfortunati e poco caparbi in occasione del pareggio, mentre il gol di Birsa è stato bellissimo. Da sottolineare la gran parata di Olsen allo scadere.

Una Roma che, tuttavia, inizia a far intravedere le prime trame di gioco. E’ un buon segnale in vista della partita contro il Real o pensi che questo scivolone peserà anche a livello mentale nella gara di mercoledì sera?

Arrivare a Madrid con i tre punti sarebbe stato ottimo per il morale, che conta tanto. Ora la Roma si sorbirà un lunedì e un martedì di critiche feroci e non costruttive. La squadra deve fare capannello su se stessa in modo tale da respingere tutte le critiche e da lavorare per uscire da questa situazione spiacevole.

Raramente si sono sentiti così tanti fischi alla quarta di campionato. L’ambiente è spaccato. Inizia a traballare la panchina di Di Francesco?

Lui è stato sempre messo in discussione, salvo in due periodi, quelli che succedevano rispettivamente il primo posto nel girone di Champions League e il miracolo contro il Barcellona. Una parte della tifoseria l’ha sempre visto come uno con le valigie in mano. Sono solo voci che amplificano la negatività e che, puntualmente, si zittiscono quando tutto gira per il verso giusto. L’ambiente romanista funziona in questo modo. E’ una questione di equilibrio.

Una battuta sulla fascia da capitano. A breve, probabilmente, arriverà una multa dalla Lega per aver esibito, ancora una volta, la fascia dedicata ad Agostino Di Bartolomei. Qual è il tuo pensiero in merito alla bufera che si sta creando attorno a questa questione?

Trovo che sia una regola ridicola. Sarebbe giustificata nel caso in cui la fascia fosse un modo per trasmettere messaggi negativi. Così non è. Un provvedimento del genere è insensato in un mondo che celebra le diversità. Se il modo per far notare il disappunto è pagare le multe, si paghino. Evidentemente, anche la stupidità ha un prezzo.

Dacci quattro nomi e chiedi ai lettori di www.romacrew.com di votare, tra questi, il migliore in campo

Dico Olsen, Dzeko, Sorrentino e Birsa.

Commenta