Home In evidenza IL PICCOLO TURCO

IL PICCOLO TURCO

17
SHARE

Cengiz Under ha varcato i cancelli di Trigoria tra la curiosità dei tifosi.

L’inizio è incerto, sintomo del normale processo di ambientazione che un ragazzo di 20 anni deve affrontare, trasferendosi in un paese di cui non conosce la lingua e dove il calcio richiede più qualità.

Il problema principale del classe ’97 era la gestione delle energie, scattante e vispo nello stretto, ma troppo spesso la lucidità nelle giocate risultava inconstante.

Con l’inizio del 2018, Cengiz ha iniziato ad ingranare, è entrato nel ruolo che Di Francesco chiedeva, ed ha affinato il suo potenziale.

A Verona si sblocca con un grandissimo gol e da lì inizia un percorso che lo porta ad essere oggi pedina fondamentale per gli schemi della Roma.

Con la zampata al Genoa si porta a 6 reti in campionato, più quella nella gara d’andata contro lo Shakhtar.

La tecnica non manca, e all’ottimo controllo di palla associa velocità, inserimenti, e anche un discreto uso del piede “debole” con cui adesso è solito mettere la palla al centro dell’area.

Under è un patrimonio da preservare, e dall’anno prossimo si potrà sfruttare dalla prima giornata.

Commenta