Home In evidenza AMARCORD: ROMA-Inter (2009-2010)

AMARCORD: ROMA-Inter (2009-2010)

44
SHARE

Torna la Serie A e con lei non può mancare l’Amarcord di Roma Crew. 
Domenica la Roma affronterà l’Inter di Luciano Spalletti, con i nerazzurri sopratutto negli ultimi anni si sono vissute partite fantastiche, decisive per le sorti di una stagione intera. 
Noi vi riportiamo indietro di 8 anni per rivivere le emozioni di quel Roma-Inter del 27 marzo 2010…
Era la Roma di Claudio Ranieri, una delle Rome più testaccine di sempre, capace di recuperare 18 punti di svantaggio proprio all’Inter di Mourinho (che alla fine in quella stagione vinse il triplete). 
Alla vigilia di quel 31esimo turno di campionato il distacco era ridotto a soli 4 punti. Le speranze di Totti e compagni di proseguire la corsa sono legate allo scontro diretto giocato in un esplosivo Stadio.
La partita inizia come meglio non si può: calcio di punizione di Pizarro e zuccata di Burdisso, Julio Cesar non trattiene il pallone e De Rossi si allunga depositandolo dentro. E’ il 17esimo ma la Roma è già in vantaggio. 
La gara è una vera e propria battaglia, si lotta su ogni pallone come fosse l’ultimo della stagione e l’intensità è alle stelle. A inizio ripresa l’Inter sale di tono e, dopo una palla gol a testa per Sneijder e Toni, riesce a pareggiare con Milito che anticipa Burdisso su un cross ancora dell’olandese, dopo che l’azione era però cominciata con un più che evidente fuorigioco di Pandev.
L’episodio non scoraggia i giallorossi che a testa bassa provano a ritrovare il vantaggio che puntualmente arriva al minuto 73.
Cross da sinistra ribattuto da Lucio, Taddei calcia al volo la respinta e il pallone finisce sui piedi di Toni, che non ci pensa due volte e calcia a fil di palo trovando il 2-1. E’ il delirio sugli spalti e in campo. La Roma è di nuovo avanti. 
Il finale vedrà l’Inter caricare con tutti i propri uomini, culminando i propri attacchi con un palo a tempo praticamente scaduto del principe Milito che gela lo Stadio Olimpico.
Non c’è più tempo, la Roma ha vinto e si porta a meno 1 dal primato (che arriverà la settimana successiva).
Piccolo capolavoro quella stagione di Mister Claudio Ranieri che avrebbe meritato un finale diverso, ma da queste parti, purtroppo, siamo abituati a certi scenari. 

Commenta