Home RC Press ALZATI E CORRI

ALZATI E CORRI

7
SHARE

Il titolo non è casuale, data la situazione attuale. Miracolo? E’ auspicato molti e, d’altronde, è esattamente ciò che servirà alla Roma domani, quando Messi e compagni verrano all’Olimpico con forti di un risultato ottenuto all’andata probabilmente immeritato, ma sicuramente eloquente.

Uno dei miracoli più famosi del Vangelo è legato all’episodio di Lazzaro, il quale resuscitò dopo che Gesù proferì la celebre frase: “Lazzaro, alzati e cammina!”. La partita di sabato scorso ha tolto molte certezze alla squadra di Di Francesco, il quale è chiamato a dare la giusta motivazione ai suoi nel momento più delicato della stagione.

MURA AMICHE?

Alla Roma non piace stare a casa. L‘Olimpico per i giallorossi non è stato il fortino che era l’anno scorso ma, talvolta, quasi una sentenza. Sei sconfitte nelle gare interne, il record dista solo due partite.

Il fatto curioso? I giallorossi in Champions sono ancora imbattuti all’Olimpico, dove hanno vinto tutte le partite, pareggiando solo la gara inaugurale del girone contro l‘Atletico Madrid, senza inoltre mai subire gol. Un dato controverso e per certi versi fuorviante.

LA DURA LEGGE DI LEO MESSI

Messi ha realizzato una tripletta contro il Leganes nell’ultima partita di Liga trascinando da solo il Barça alla vittoria. Novità? Nessuna. Sorprese? Macché!

Con queste tre reti l’argentino raggiunge Salah al primo posto della classifica per la scarpa d’oro e porta il suo bottino stagionale a 39 reti in 46 gare. No, ancora niente di sorprendente, nessun colpo di scena.

Ormai ci abbiamo fatto l’abitudine e, nel suo essere sbalorditivo, Messi è diventato ormai un topos, in termini più schietti una sentenza. Il pericolo più grande per qualsiasi difensore, una macchina di meraviglie inarrestabile, tutto questo la pulga incarna perfettamente.

Risultati immagini per messi

UNDER? PEROTTI?

Uno dei giocatori che più è mancato alla Roma in queste tre gare è sicuramente Cengiz Under, trascinatore in molti casi della squadra capitolina. Il turco è rientrato in gruppo e sarà della partita.

L’altro acciaccato, Diego Perotti, ci prova ed è tornato ad allenarsi, ma potrebbe partire dalla panchina, dopo essere stato messo da parte contro la Fiorentina.

ESSERE L’INCUBO

In conclusione, le possibilità di qualificazione sono ormai ridotte all’osso, la Roma dovrà realizzare tre reti senza subirne per sognare una semifinale, che ormai ha assunto le sembianze di una chimera.

L’unica speranza è la consapevolezza di essere ai quarti. Puoi essere un incubo per il Barcellona? Chiedilo agli 80.000 dell’Olimpico, alla Curva Sud, ai Fedayn. Chiedilo ai veterani che hanno visto la Roma arrivare addirittura in finale, che l’hanno vista anche battere il Barça stesso per 3-0. Chiedilo a chi ci crede veramente, a chi non lascia la Roma sola.

La squadra è questa, undici contro undici, un pallone, cento metri di campo da coprire più volte. Palla al centro, si dia inizio al viaggio infernale.

 

Commenta